NINO D’ANGELO – Un’altra luce (con Livio Cori)

Sanremo 2019

Classe 1957 nato nella periferia di Napoli, Gaetano D’Angelo inizia a cantare da piccolo con il nonno, appassionato di musica partenopea. Scoperto da un frate cappuccino durante uno spettacolo amatoriale, Nino partecipa ai primi concorsi per voci nuove. Nel 1976 stampa e vende porta a porta il suo primo 45 giri: A storia mia (‘O scippo). Nasce da questo una serie di sceneggiate con lo stesso titolo. Il debutto cinematografico arriva negli anni ‘80 con il film Celebrità; nell’81 il brano ‘Nu jeans e ‘na maglietta e l’omonimo film consacrano la popolarità di Nino D’Angelo in tutta Italia. Vai è il brano che presenta alla 36esima edizione di Sanremo.
Rinuncia al caschetto biondo nel 1991 e inizia a proporre canzoni meno facili e sentimentali; nel 1993 pubblica Tiempo. Lavora nel frattempo a una contaminazione fra canzone popolare e sonorità etniche, che si concretizza nell’album Stella ‘e matina. Debutta al teatro Mercadante di Napoli con Core pazzo. Nel 1998 conduce il Dopofestival a Sanremo, mentre nel 2002 e 2003 torna a gareggiare tra i Big con Marì e A storia ‘e nisciuno. La quinta partecipazione al Festival della canzone italiana lo vede interprete di un testo in dialetto: Jammo Ja.

Un’altra luce

Je te veco accussì
Luce nel tuo sorriso
Anche quando c’è il vento contro
Quando il buio si fa profondo
Je te veco accussì
E sembra che il paradiso
Si nasconda anche in questo mondo
Dove un giorno dura un secondo
Curre ‘ngopp a nu filo senza mai cade’
Si ‘a rint tien a guerra nun o faje vedè
Pare ca l’abitudine nun fa pe te
Quando dici sti cose tu assumiglie a me
Tu assumiglie a me
Tu assomigli a me
Tu assomigli a me
Mai nessuno ha mai capito come
Scaldarmi quanto il sole
Ma tu sicuro sai illuminarmi dove
L’ombra raffredda il cuore
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedé) addo arriva sta luce famme vedè
Famme vedè
Te posso da ogni luce ca nun tieni
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita
Quanno nun ce crire
Quanno nun ce crire
Je te veco accussì
Quella faccia pulita
Si è sporcata coi graffi del tempo che fugge
Che colpisce ma non ci distrugge
Je te veco accussì
Mentre passa una vita
E io non me ne accorgo perché mi ha distratto
Quell’idea di non essere adatto
‘E vote na parola ca nun vuo sentì
È a chiave e na raggione ca nun saie capì
E vote na parola te po fa vedè
O bello ca nun vide ma sta attuorno a te
Attorno a te
Attorno a te
Mai nisciuno (mai nessuno) te po arrubà nu suonno
Si tu nun ‘o raccunte
Stai sicuro (stai sicuro)
Ca si rispiette l’onne o’ mare nun t’affonna
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè
Te posso da ogni luce ca nun tieni (ca nun tieni)
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera
Pe te fa ascì a stu scur ca te ten prigiuniero
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita
Ma sarà sempe scuro si nun ce crire si nun ce crire
Si nun ce crire